A seguito di un’indagine portata avanti dalla Guardia di Finanza e coordinata dalla Procura di Torino, sono stati identificati 50 siti web che proponevano abusivamente investimenti in criptovalute.

CLICCA QUI per leggere l’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *